Tra i mulini a vento

Non vedo altro che grigi
in questa mattinata che assottiglia gli occhi
e mi richiama al sonno ed alle tue sottane
ritaglia il tempo per un altro sguardo
iniettami d’amore
e se non puoi, stringimi al petto,
ritrovami nel tempo
io ti incontrerò nell’orto
dei tuoi mulini a vento
Leonardo M.

Chagall - Sonno

quando il soffio sarà tale da sconquassarmi il petto
girerò le mie sottane, nel senso di sinistra
come sempre -nel mio controcorrente
e baci di sementi da giardino
per gladioli di marzo e rosso negli occhi

abbiamo angoli in cui il tempo non si gira
una panchina e vimini che attendono
l’abilità di chi modella danze nel frumento

novembre 2010
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2010, duetti, le mie poesie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...