la leggerezza della polvere

E allora la tua voce riecheggia come il vicinato
nel suo respiro tenue, sfida la pioggia
che gronda dal lampione del tardo pomeriggio
dimentico della primavera non fosse
per la luce, anche se sottile, che ancora passa
dal materasso di nuvole ancorato sulle nostre spalle.

Così succede che so di leggerezza, che posso
ricucirti ai lembi storti del mio corpo senza
la zavorra della pelle trascinata in terra
Manca il bacio, manca l’accoppiarsi delle stelle
-ma è questione d’ore- per riportare a casa
quel fruscio. Il ritiro nella gola d’una vibrazione
quando le costole sono mulinello d’ansie
e tu le spacchi facendomi sudore

aprile 2011
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2011, le mie poesie e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a la leggerezza della polvere

  1. Federica Volpe ha detto:

    *.* è sempre tutto così nuovo… se poesia non è questo vorticare del cuore, cosa è?
    Grazie…

  2. lordbad ha detto:

    Bel post, indicativo direi!

    Ripartiamo dunque dall’amore come reciproca crescita degli io! =)

    Su Vongole & Merluzzi ci ci chiede invece se il “mito della psicoanalisi” può condurre all’individualismo!

    Spero avrai modo e voglia di ricambiare la visita

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/05/21/psicofornication/

    P.s.: bellissima poesia!

    • rob ha detto:

      dici bene, lord. l’amore non solo come sentimento ma anche come movimento e azione verso un fine unico o meglio unitario, non può che condurre ad una crescita dell’io -da non scambiare per una crescita dell’ego, in ogni caso!- 🙂
      grazie della visita e del complimento 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...