vinili

sottostare alle carezze, a piccole
strette di braccia/parvenze di corpi
/fini di un settembre inesatto
quando il colore del cielo sbiadisce
e tornano a rumorare i treni, la ruggine
le gomme incollate sui sedili
assomiglia a questo nostro amore
precario confine tra la scienza
e la fede e il marmo delle scale
è una prigione di atomi/per
quando non arrivi/ che mi costringe
a contare gli avvisi sul tabellone

e poi il silenzio a volte è una salvezza
/acerba/dovrebbe dirsi che è meglio
aspettare a venire. e i melograni
maturano oggi. e tu dici amore.
ed io ripeto /amore/ troppo verde
per sfiorarti col pensiero

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in le mie poesie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a vinili

  1. ecatmel ha detto:

    un profumo di fine settembre e di nuove attese…. bella bella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...