prima della pioggia

se vuoi, stammi vicino
l’anno deve prendere la piega, ora
dobbiamo tagliargli lo spigolo, ancora intonso
ancora le pagine attaccate a coppie
e noi, la nostra coppia, sarà il tagliacarte
che inaugura letture nuove oltreconfine
se vuoi, qua vicino, lambiscimi
l’onda e lo scoglio, mentre sento questa appartennza
nel respiro, nell’odore selvaggio
che ha il vento spaziare sui punti cardinali

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in le mie poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...