una ginestra

torno dal mare – ad occhi chiusi
torno a quei promontori grandi in mezzo all’ acqua
che fanno isole o piccole penisole
e grotte in cui risuona la voce

tutto resta immobile: tu
che guardi il Castello, i colori della tempesta
sul golfo, il vento che spazza forte
i pensieri dai capelli

sei felice, nel freddo ti esce un rumore felice dal petto
e io, radicata nei tuoi occhi

io mi sento una ginestra

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in le mie poesie. Contrassegna il permalink.

3 risposte a una ginestra

  1. Stefano ha detto:

    …l’inizio è timido…poi prosegui più decisa…fino alla chiusa che è da te…” ti esce un rumore felice dal petto” …

    • maredinotte ha detto:

      Caro Stefano, hai ragione, non ho più la stessa verve di un tempo, ma riprendo timidamente a raccontarmi come viene, senza troppo studio… le chiuse in ogni caso restano la mia specialità! 😛

  2. ciprea ha detto:

    mi piace rileggerti, è sempre emozione. è vero, sono immagini felici le tue chiuse, arrivano dirette, come uno schiocco, alla pancia e poi più su

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...