“Mentre si mettono a posto le cose” Irene Paganucci

Mentre si mettono a posto le cose, che si fa? A volte si canticchia, altre si pensa tra sé e sé, altre volte si parla al telefono. A volte non siamo noi che le mettiamo a posto, ci vuole il tempo. E allora mentre lui mette a posto le cose, noi semplicemente aspettiamo, chi fermo in attesa, chi nel miglior modo possibile: continuando o – a seconda dei casi – ricominciando a vivere, come si può, più che si può. E così succedono un sacco di cose che forse aiuteranno il tempo nel suo compito arduo.

Mentre si mettono a posto le mie cose, ho letto il <<mentre>> di Irene Paganucci. Penserete che mi paghi, forse, visto che già un anno fa avevo letto il suo primo libro e ne avevo parlato qui… beh, no. Non mi paga. Almeno non in moneta e non consapevolmente, ma in quelle carezze che servono quando hai intorno muri diroccati e ginocchia sbucciate.

“Mentre si mettono a posto le cose” (Raffaelli Editore, 2016) l’ho letto in treno l’antivigilia di Natale. Mi è arrivato quella mattina e l’ho trovato prima di partire nella buca delle lettere. È stato un gran bel regalo sfogliarlo mentre fuori dal finestrino il paesaggio cambiava veloce.

Potrei dire che lo stile di Irene non è cambiato, nemmeno le tematiche sono troppo diverse dal suo primo libro, ma è maturato. Secondo me la differenza sostanziale tra il primo e l’ultimo libro di Irene, sta nel non voler più nascondere il proprio dolore, ma piuttosto esorcizzare portandolo alla luce, con quello stesso pudore pulito, con la stessa apparente leggerezza, ma con una consapevolezza tutta nuova. Si parla, infatti, della morte che sta nelle cose di tutti i giorni. Si parla di quanto sia difficile superare una perdita, di come a volte alzarsi al mattino sia troppo pesante. Si parla di tazze da tè, di cortili di campagna, di forcine per capelli e buste della spesa. E in tutte queste cose, sostanzialmente si parla di Vita, di come la si riprende in mano. La semplicità cristallina con cui ci mette davanti il suo pensiero è disarmante <<devo per forza stare bene/stare male non mi conviene>>, eh no. Non le conviene. Perciò meglio combattere e <<piantare un cespuglio di rose / all’inizio del mio filare / per salvare la vite dal male>>

Certo, lo stile di Irene può pure non piacere. Non è alto, non è complesso, non è rigoroso. Ci sono sbavature lessicali che rimandano al parlato. Sembra spesso di sentire la voce di un bambino. Ma non sono proprio i bambini che con la loro schiettezza e genuinità sono capaci di vedere il mondo da una prospettiva che l’adulto ha spesso dimenticato? Forse Irene è bambina quando impugna la penna, forse indossa degli occhiali deformanti, oppure quelli che si portavano negli anni ’90, per vedere le cose ai raggi X. E io ne resto colpita, perché a me pare che le sue parole siano come una lama calda nel burro e affondino lisce fino al cuore delle cose, per chi sa vederlo.

mentre_si_mettono_a_posto_le_cose

 

*

La mattina è il momento più difficile

della giornata, tengo su il morale

con delle forcine per capelli.

 

*

Domenica ha chiamato una tua amica,

ha detto “Ciao” e poi

il tuo nome al posto

del mio: mi ha chiesto

scusa, “Sono una scema”

ha balbettato. E io dopo

ho pensato che, in fin dei conti, era

più giusto se mi scusavo io

che avevo risposto

al telefono e non ero te.

 

*

Ho ancora la brutta abitudine

di sedermi sempre

dalla stessa parte, di cercare

una parete che mi faccia da madre,

che si prenda la briga

di starmi dietro.

Spietata m’inchiodo

da sola, mi metto con le spalle al muro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in poesia, post it e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Mentre si mettono a posto le cose” Irene Paganucci

  1. Stefano ha detto:

    ..prendo le tue “sottolineature” e le faccio mie. Mi piace molto Irene..colpisce e ispira e io ho tanta voglia di poesia…mi manca tanto…thanks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...